News

Costruzioni stradali green: nuova ciclo pedonale e parcheggio a Breganze

Costruzioni Generali Girardini Spa sta per consegnare una nuova pista ciclo-pedonale e una più ampia area parcheggio per il Comune di Breganze. L’opera, che nell’ambito di un accordo con l’amministrazione locale è stata realizzata pro bono dall’azienda a vantaggio della comunità, ha visto una particolare attenzione al tema della sostenibilità ambientale, delle costruzioni stradali green e dell’impiego di materiali con un ridotto impatto sul consumo di risorse non rinnovabili.

Un parcheggio per rendere più fluida la viabilità

Il parcheggio, che sorge vicino alle scuole medie locali, ospiterà 104 posti auto e sarà prezioso per la popolazione in particolare in occasione del mercato settimanale, agevolando l’afflusso e rendendo più fluida la viabilità. In totale occuperà un’area di 2600 m2: 2000 hanno previsto una nuova asfaltatura di spazi preesistenti, mentre 600 sono stati realizzati ex novo.

La pista ciclo-pedonale: un incentivo alla mobilità green

Nell’ottica di facilitare la mobilità alternativa è inoltre stata realizzata una pista ciclo-pedonale di 150 metri che agevola l’accesso al parcheggio e alle scuole medie. La pista, che parte da Via Maglietta, è un percorso misto, realizzato sul tratto di argine di una piccola roggia.

L’impegno ambientale e le costruzioni stradali green: l’utilizzo del misto cementato

Per ribadire il proprio impegno sui temi della sostenibilità ambientale, Girardini ha utilizzato per le nuove aree il proprio macinato ecologico fine e il macinato ecologico cementato, due prodotti che puntano a ridurre l’impiego di materiali non rinnovabili a favore di altri provenienti dall’opportuno riciclo e miscelazione di misto granulare con inerti vergini di cava e materiali provenienti da costruzioni e demolizioni.

Dalla consulenza progettuale alla realizzazione

Avviata nei primi giorni dell’anno, l’opera ha previsto una consulenza iniziale al Comune per definire le basi progettuali della ciclo-pedonale e dei parcheggi e per avviare la scelta dei materiali e dei pacchetti necessari. Una volta approvati, ha coinvolto otto uomini divisi su due squadre di lavoro, rispettivamente per la preparazione e per le asfaltature. Diversi i mezzi d’opera impegnati che hanno visto: escavatore, pala, mini pala per le opere di bianco e finitrice, rullo, rulletto e fresa per le asfaltature.